Il pan di Spagna è alla base di molte preparazioni della pasticceria.

La sua è una storia affascinante che risale al Settecento. Effettivamente c’è un legame con la Spagna perché fu proprio a Madrid che il pasticcere ligure Giobatta (Giovan Battista Cabona) lo propose per la prima volta. E da allora non ha smesso di essere amato dai golosi di tutto il mondo.

Di seguito la ricetta, a cura di Umberto Cozzolino, fondatore di Dolci Progetti.

 

Difficoltà
Tempo di preparazione
20 minuti
Portate
12 persone

Ingredienti

  • 6 uova a temperatura ambiente
  • 180 g di zucchero semolato
  • 150 g di farina 00
  • 1 pizzico di sale
  • 1 bustina di vanillina

Preparazione

Per preparare il nostro pan di Spagna, iniziamo dosando tutti gli ingredienti e avendo cura di setacciare la farina, con il sale e la vanillina.

In una ciotola capiente uniamo le uova e lo zucchero. Con lo sbattitore elettrico iniziamo a montare le uova a velocità media.

Dopo circa 1 minuto aumentiamo al massino la velocità dello sbattitore e continuiamo a montare. Inizieremo a notare come la montata di uova e zucchero inizia a gonfiarsi e diventare chiara.

Per la perfetta riuscita della ricetta consigliamo di usare uno sbattitore con potenza minima di 350 watt, munito di fruste per montare a filo. Questo tipo di sbattitore rende molto veloce la preparazione del dolce, rispettando i tempi della ricetta. In caso abbiate un apparecchio con potenza minore vi basterà prolungare i tempi per la montata di uova e zucchero.

Con una planetaria il lavoro si riduce notevolmente.

Trascorsi 10 minuti al massimo avremo un impasto simile ad uno zabaione gonfio e spumoso, di una colorazione giallo chiarissimo.

La massa è pronta quando, sollevando le fruste e facendo cadere la montata, lascia dei segni sulla superfice. Ciò indica che abbiamo lavorato molto bene, le uova hanno incorporato aria a sufficienza per gonfiare in cottura e donare sofficità senza l’uso di lievito chimico per torte.

Versiamo la farina sulla montata e con una spatola amalgamiamo il tutto con un movimento che va dall’alto verso il basso. Questo movimento permette alla farina di inglobarsi alla montata senza far perdere aria alla massa.

Versiamo il composto in una tortiera, preferibilmente a cerniera, precedentemente imburrata ed infarinata (consigliamo uno stampo da 24 cm di diametro).

Livelliamo il composto e cuociamo in forno, rigorosamente già caldo, a 180°C con funzione ventilato, per 35 minuti circa.

Facciamo la prova dello stecchino e se risulta pulito possiamo sfornare il dolce, in caso contrario prolunghiamo la cottura di alcuni minuti, al massimo 5.

Facciamo raffreddare il pan di Spagna su una gratella per dolci.

A questo punto lo possiamo farcire come preferiamo con creme, confetture o cioccolata oppure semplicemente spolverizzato di zucchero a velo.

 

Il pan di Spagna si conserva in un luogo fresco e asciutto fino a 7 giorni. Lo si può congelare e utilizzare entro un mese.


Confindustria Salerno
Progetto realizzato con
Piantagrani