Abbiamo spesso parlato delle qualità antispreco dell’uovo. E di come sia possibile riciclare anche i gusci per fare lavoretti o destinandoli ad altre attività di casa. 

Ora dalla ricerca scientifica arrivano altre buone notizie che prevedono proprio l’uso dei gusci di uova per la rigenerazione delle ossa. L’ambito di impiego è l’ingegneria biomedica, o bioingegneria, una affascinante disciplina che applica alla medicina i principi dell’ingegneria.

Può succedere, infatti, che le ossa si lesionino, per diversi motivi – malattie, incidenti, invecchiamento. Grazie allo studio dell’Università del Massachusetts, pubblicato su Biomaterials Science, è stato dimostrato come i gusci delle uova, con il loro contenuto di calcio, potrebbero rappresentare una soluzione per la rigenerazione di ossa in laboratorio. In questo modo si pongono le basi per lo sviluppo di nuovi materiali che potrebbero migliorare la vita di tante persone.

Lo studio

La ricerca ha testato un mix composto da piccoli pezzi di guscio d’uovo con uno speciale gel in cui sono state inserite le cellule ossee prelevate dal paziente. Alla fine dello studio è emerso che la presenza dei pezzi di guscio d’uovo aiutava le cellule ossee a crescere e a diventare più dure, quindi si ponevano le condizioni per una guarigione più veloce del paziente. Con una possibilità ridotta di rigetto.

Inoltre, il processo testato potrebbe essere utilizzato anche per la rigenerazione di cartilagine, denti e tendini.

L’uso dei gusci d’uovo, oltre ad avere vantaggi clinici, ha innegabili ricadute anche sull’ambiente. 

L’uso domestico e commerciale di uova genera milioni di tonnellate l’anno di gusci d’uovo che finiscono nella spazzatura. Riutilizzandoli, possiamo dare un beneficio all’economia e all’ambiente, fornendo anche una soluzione sostenibile alle esigenze cliniche non soddisfatte “, ha sottolineato Gulden Camci-Unal, uno dei ricercatori dell’Università del Massachusetts che ha portato a termine lo studio.

 

Fonti:


Confindustria Salerno
Progetto realizzato con
Piantagrani